Grazie Caterina!
Grazie per aver ridato una rispettabilità alla figura di sindaco; ai ballottaggi, prima della tua candidatura, non ritiravo più la scheda elettorale nelle Elezioni Comunali.
La politica massacrata da anni da comportamenti e provvedimenti sconsiderati, scarica sui sindaci il peso di tali condotte. La tua amministrazione con i più stretti collaboratori mantiene un atteggiamento coraggioso. Coraggioso non è chi spara per obbligo contro agli altri, ma chi tutti i giorni continua a svolgere un compito difficile per un senso del dovere e di coerenza, sentimento sempre più raro. Ormai anche a rispettare le leggi è diventato un atto di audacia.
Traspare dai tuoi interventi un discorso di sincerità e spontaneità che è quello che le persone, purtroppo poche, desiderano sentire in un luogo istituzionale ma non solo, nelle celebrazioni nazionali, come il 25 aprile, la tua sensibilità si è presentata pienamente. Hai dato alle celebrazioni nazionali un valore non formale o retorico.
Vedi Caterina, ogni tanto mi capita di vedere la linea del traguardo, avendo trascorso buona parte di questi primi 70 anni di repubblica, e sono molto amareggiato da come hanno trattato la Costituzione. Io che sono “religiosamente laico” considero i primi dodici articoli dei principi fondamentali come i dieci comandamenti per i cattolici. Quella Carta che doveva tutelarci da modi di gestire il potere e il rapporto con i cittadini è stata poco alla volta svuotata di valore. Allora non siamo stati … capaci di ESSERE LIBERI. Capaci di fare tesoro delle conquiste di chi ci ha preceduti ma di tracciare il proprio sentiero forti delle proprie scoperte e delle proprie responsabilità ? Per chi si è sacrificato prima durante e dopo quella legge fondamentale è stato tutto vano? No! non è stato tutto inutile, perché ci sono e ci saranno sempre persone coraggiose.
Sono contento di darti una mano dove posso, ma penso di interpretare anche il sentimento di tutte le persone che ti sostengono attivamente, perché questo sentimento contribuisce al miglioramento del nostro senso comune.

D. Balsamo