Consiglio Comunale

giornali2Le recenti vicende che hanno coinvolto il gruppo consigliare di maggioranza avranno sicuramente un impatto sulla politica della nostra città. Mettendo a bando le inutili polemiche e speculazioni politiche ci dobbiamo chiedere come la spaccatura nel PD, e la conseguente nascita del nuovo gruppo consigliare, influirà sulle dinamiche della nostra città già abbondantemente sommersa da fiumi di parole. Il caso Bellaria sta bloccando lo sviluppo politico gettando sospetti e ombre su ogni atto amministrativo. Questa è la netta dimostrazione della crisi dei tradizionali partiti politici che non riescono a mantenere l’unità di intenti tra la necessità di rinnovamento che viene dalla gente e il mantenimento dei piccoli, e grandi, poteri e interessi economici locali. Le liste civiche si collocano in questo contesto come una forma politica organizzata che può raccogliere il desiderio di cambiamento e di partecipazione, senza dover rendere conto ad un passato pesante e spesso oscuro, abitato da personaggi che non raccolgono più la fiducia dei cittadini. E’ una sensazione diffusa che i consiglieri debbano rispondere alla propria coscienza e al programma presentato in campagna elettorale e non alle logiche dei partiti che si allontanino dal bene comune.
Sulla vicenda raccogliamo il commento di Giancarlo Monici, presidente dell’Associazione Peschiera Bene Comune: “Non entriamo nel merito di quello che sta succedendo all’interno di un altra forza politica, il PD, ma come associazione e per le passate esperienze di alcuni di noi, diamo tutto il nostro appoggio morale e se servisse anche materiale ai consiglieri che hanno scelto di costituire un nuovo gruppo misto”. Forse possiamo ben sperare che questo episodio sia il germoglio di una nuova primavera politica a Peschiera Borromeo.

comune_peschiera_borromeo_logoDa sempre P.B.C. si è schierata contro la vendita e la privatizzazione dell’azienda Farmacie Comunali giudicandola come da statuto complementare all’azione in campo sociale e sanitario del Comune che ne detiene la proprietà al 100% ed ha chiesto ad ogni singolo consigliere di esprimersi su questo tema. Oggi ad un mese dalla chiusura della gara per il conferimento dell’incarico per una valutazione dell’azienda , non si ha ancora notizia non solo dell’esito, ma nemmeno del numero dei partecipanti. Crediamo che su questa questione il Consiglio di Amministrazione e la Giunta che ha conferito il mandato debbano adottare la massima trasparenza, come doveroso nei confronti di un bene comune di proprietà dei cittadini di Peschiera Borromeo. Restiamo in attesa, fiduciosi di una sollecita comunicazione, possibilmente sul sito ufficiale dell’azienda. Altri ritardi desterebbero perplessità e incomprensione.

 

comune_peschiera_borromeo_logo

A cinque mesi dell’insediamento della nuova Amministrazione Comunale, la Lista Civica Peschiera Bene Comune ritiene necessario fermare l’attenzione su ciò che sta succedendo nella nostra città.
Improvvisamente ci troviamo sottoposti ad un fuoco incrociato di tasse e di accuse. Gli importanti rincari voluti dal Sindaco Luca Zambon colpiranno le nostre famiglie in un momento storico molto difficile dominato da precarietà e da un futuro incerto. La Giunta sostiene che si tratta di un’azione necessaria per coprire un “buco di bilancio” causato dalla precedente gestione di Antonio Falletta e dalle sempre più esose richieste del Patto di Stabilità. L’opposizione sostiene che i conti erano allineati nel momento in cui ha lasciato il palazzo comunale e accusa la maggioranza di voler favorire i costruttori a spese dei cittadini. Questo sterile dibattito avviene nel chiuso deserto del Consiglio Comunale, dove la stessa maggioranza PD-NOTA esprime forti contrasti interni per un matrimonio di convenienza non proprio digerito. I cittadini restano fuori dalla discussione: nessuna spiegazione pubblica che  “l’uomo della strada” possa capire, nessuna pubblicazione di documenti o dichiarazioni sul sito del Comune, solamente volantini e articoli sui giornali di schieramento. Eppure tutti, nel giorno dell’insediamento, avevano parlato di coinvolgimento e partecipazione! Nessuna condivisione è stata attivata proprio ora che i cittadini dovrebbero essere i primi a ricevere le informazioni, visto che saranno loro a pagare gli sbagli  passati o futuri che siano!
Noi della lista Peschiera Bene Comune vediamo realizzarsi in questo scenario le situazioni che ci avevano portato a partecipare alle scorse elezioni, pertanto il nostro compito non è finito, e prossimamente svilupperemo in città una serie di iniziative per portare una nuova volontà di partecipazione dal basso, e uno spirito nuovo nella politica di questa città, che abbia come primo obiettivo il bene comune.

Peschiera Borromeo, 6 ottobre 2014