Consultorio

Dal 12 maggio sono attivi i servizi del nuovo Consultorio Familiare di Peschiera Borromeo.
La nascita di questo centro a servizio della persona, della famiglia e della comunità rappresenta un grande traguardo per la nostra città, in un momento difficile per il nostro paese.

Un servizio che mancava nel nostro territorio da ben 7 anni.
Grazie ad una programmazione accurata e ad una visione politica di lungo respiro, siamo riusciti a raggiungere un importante risultato in controtendenza rispetto al passato. Per diversi anni, infatti, si sono smantellati i servizi socio-sanitari territoriali; noi, invece, ne abbiamo portato uno di fondamentale importanza per le giovani generazioni, per le famiglie, per le agenzie educative.

SERVIZI – Oltre ai servizi in accreditamento con Regione Lombardia, ne sono previsti altri in regime di gratuità per i cittadini di Peschiera.
Nello specifico, il nuovo Consultorio si presenta con una parte dei servizi modulati anche in base all’emergenza sanitaria in corso:

1) corsi a distanza di gruppo e consulenze per genitori e bambini dell’infanzia e della primaria;
2) consulenze a distanza ostetriche-ginecologiche e visite in presenza ginecologiche indifferibili;
3) corsi pre parto a distanza;
4) supporto psicologico per singoli a distanza;
5) sostegno genitoriali al tempo del Coronavirus a distanza;
6) corsi di gruppo per la gestione dell’ansia nelle relazioni a distanza;
7) supporto psicologico al personale sanitario a distanza;
8)gestione delle relazioni di gruppo negli adolescenti a distanza;

Qui il link con gli allegati che specificano i servizi nel dettaglio.

COSTI – Il Consultorio Familiare di Peschiera è gestito dalla Fondazione Centro per la Famiglia Cardinal Carlo Maria Martini e fa parte di una rete di altri cinque consultori, i cui profitti vengono totalmente reinvestiti in servizi come avviene in tutte le ONLUS. I professionisti impiegati vengono regolarmente retribuiti per visite, servizi e terapie, che sono erogati secondo le regole dell’accreditamento con Regione Lombardia.
La convenzione con ATS garantisce il rispetto degli indirizzi e dei protocolli e che le tariffe applicate siano le medesime di un consultorio pubblico.

SPAZI e AFFITTI – Il consultorio di Peschiera apre presso i locali di via Due Giugno, 6. Questi spazi originariamente nascevano con una vocazione commerciale ma per lungo tempo non sono stati affittati a causa della posizione non appetibile. Nel 2015, infatti, viene emesso un regolamento con delibera commissariale per estenderne l’utilizzo anche ad associazioni e ONLUS anche attraverso la riduzione dei canoni di affitto. Quei locali sono occupati, dal 2010 al dicembre 2014, dalla fondazione Don Gnocchi senza convenzione. Solo a dicembre 2014 viene stipulato un contratto di affitto fino al 2020, tuttavia a fine 2015 la fondazione lascia per sempre Peschiera. L’ASL dichiara i locali non a norma per prestazioni sanitarie e la dimensione insufficiente. Insieme all’Amministrazione che in quegli anni era in carica (giunta Zambon) non viene trovata una struttura alternativa, né messo in campo un progetto alternativo economicamente sostenibile.
Rivendichiamo la scelta di impegnare fondi comunali nella messa a norma di tali locali per consentire il ritorno di un servizio essenziale. Si tratta del terzo accordo che questa Amministrazione porta a casa per la valorizzazione di immobili di proprietà comunale: il primo è stato con la Croce Rossa Italiana situata presso la storica sede di via Carducci. Vale la pena ricordare che questo accordo ha salvato anche 8 posti di lavoro e proprio in questa crisi sanitaria consentito l’erogazione di un servizio di eccellenza ma in totale sicurezza per gli operatori.
Il secondo proprio con ATS Milano e ASST Melegnano Martesana che ha firmato nel 2019 il rinnovo dell’affitto, non più gratuito come dal 1998 al 2008, ma sempre a canone ridotto presso il Poliambulatorio di via Matteotti.
In questo terzo accordo è previsto lo scomputo dell’affitto per alcuni anni a compensazione dei costi di sostituzione dell’impianto di condizionamento e riscaldamento, sostenuti dalla Fondazione. Gli altri lavori di rimodulazione degli spazi, a carico della Fondazione, sono stati un nuovo bagno a norma e il rifacimento dell’impiantistica e della pavimentazione. Le strutture comunali sono, quindi, state rinnovate e rese utilizzabili per altri servizi in futuro. Giova anche ricordare che il negozio 1 non fa parte dello spazio accreditato, ma sarà a disposizione per tutte le attività aggiuntive che verranno messe in campo insieme alle realtà locali.

Sbaglia chi fa un confronto tra consultori pubblici e privati. Quello che conta è la qualità dei servizi erogati e il consultorio deve essere giudicato solo ed esclusivamente su questo. Farlo a due giorni dall’apertura è impossibile e forse un po’ preconcetto.
Il controllo della realizzazione degli impegni presi attraverso l’offerta tecnica e il gradimento alla cittadinanza dei servizi resi saranno i criteri con cui, al termine dei primi 9 anni, chi governerà potrà fare un bilancio e decidere se proseguire o cambiare.

Una maggioranza che governa deve trovare il modo di dare maggiori servizi ai propri cittadini e noi, al contrario di chi negli anni passati ha governato dimezzandone l’offerta, ne abbiamo portati di nuovi. Questo è ciò che conta.

Forza Peschiera! Andiamo avanti!

#PeschieraRiparte #PeschieraBeneComune

Congiunto_liste

“L’opera umana più bella è di essere utile al prossimo”
Sofocle

In queste settimane difficili, siamo stati messi a dura prova e sentirci più vicini agli altri e più utili per gli altri ci fa stare meglio.
Con un piccolo gesto possiamo contribuire ad aiutare la nostra città, il nostro Bene Comune più prezioso, a sostenere chi in questo momento ha bisogno di noi.

Puoi sostenere la città con una donazione alle coordinate IBAN IT46 05034 33570 000000006476

“Vivere per gli altri, non è soltanto una legge, ma anche la legge della felicità.”
Comte

DonazioneCovid

La giunta guidata da Caterina Molinari ha presentato il bilancio per l’anno 2020 mettendo al centro la cura dei servizi cittadini.
Oltre 8 milioni di euro dedicati al rifacimento di strade,marciapiedi e viabilità; una tale cifra è necessaria per ripristinare molte situazioni ammalorate da anni di incuria e di progettazione non a “regola d’arte”. Importanti investimenti anche per gli edifici pubblici per la ristrutturazione delle case comunali (1.000.000) e un ampliamento delle scuole di San Bovio (2.480.000).
Vengono messe a bilancio anche gli stanziamenti per nuovi servizi come il distaccamento dei Vigili del Fuoco e il miglioramento della Caserma dei Carabinieri.

Continua la messa in sicurezza delle scuole e degli edifici cittadini, come il loro efficientamento energetico, l’allargamento dei cimiteri e dei percorsi ciclabili.  Attenzione particolare riservata alla cura del verde urbano con 1.200.000 euro. Non saranno da meno i servizi scolastici con 4.081.131 e per i servizi sociali con 3.413.540.

La nostra città necessita di servizi adeguati ai bisogni in continuo cambiamento. Dobbiamo rendere la nostra città sempre più “smart” connettendola alle reti digitali e a quelle viabilistiche, accogliente e sicura, attraente per le imprese e per i giovani, solidale e aperta al terzo settore. Il bilancio è il punto di partenza di questi bisogni e quest’anno la nostra Amministrazione continua nel cammino del cambiamento e nella concretezza delle scelte di chi lavora per costruire una Peschiera Borromeo senza illusioni e senza farsi rapire dalle visioni.

 

Congiunto_liste

La storia di Babbo Natale ci insegna che nel mondo c’è un signore, di una certa età, che senza un motivo evidente passa la notte tra il 24 e il 25 Dicembre a distribuire regali ai bambini del mondo. Questo signore da secoli si prende l’impegno di incantare i bambini e gli adulti esaudendo alcuni loro desideri. Cara Peschiera Borromeo questo è il nostro augurio per queste feste e per il tuo futuro: che ci siano sempre persone pronte ad aiutare senza avere nulla in cambio, ma soprattutto che tu le possa riconoscere nelle associazioni, nei volontari, nei famigliari e in tutti quei lavoratori che ogni giorno mettono un qualche cosa in più a ciò che è atteso da loro.
Grazie quindi a tutti quei “Babbo Natale” che ogni giorno migliorano la nostra vita e che il nostro ringraziamento sia un piccolo omaggio alla vostra dedizione. Tanti auguri Peschiera Borromeo per uno splendido 2020.

 

PatternedBauble4b

Progettare la Peschiera Borromeo che vorremmo, la nostra città del futuro, non è scrivere dei desideri su un quaderno da chiudere in un cassetto, ma essendo basata su un percorso richiede passi concreti per realizzarlo.
L’Amministrazione guidata da Caterina Molinari e a cui Peschiera Bene Comune partecipa si è caratterizzata in questi primi 3 anni di governo da una forte praticità che è partita da un programma, ora largamente realizzato, centrato sul consolidamento e la progettualità.
Il consolidamento consiste nel sanare i problemi e gli intralci accumulati nella macchina comunale: azioni amministrative incompiute, carenze di progettazione, errori materiali. Sanare queste lacune e riorganizzare la macchina comunale perché possa puntare ad una reale efficienza permetterà all’azione politica di concretizzarsi. Non farlo significa vivere alla giornata e chiudere gli occhi sui problemi reali e quotidiani dei cittadini, come costruire sulla sabbia. Avendo fatto grossi progressi in questa fase, possiamo ora disegnare lo sviluppo futuro della nostra città, e possiamo farlo in modo trasparente.
Per questo motivo la prima delibera di giunta del 2019 è stata la pubblicazione delle linee guide per realizzare una variante al Piano di Governo del Territorio (PGT).
Questo documento che descrive lo sviluppo urbanistico di una città, porta con sé ( e ne subisce i riflessi ) anche lo sviluppo sociale ed economico di un territorio. Nel passato esisteva, e per molti politici esiste ancora, un’equazione che rende equivalente sviluppo a costruzione. Quella politica, che dovrebbe essere relegata ad un passato di visioni superate, di spartizione politica e purtroppo spesso di dinamiche non chiare tra politica e imprenditoria, va superata per non devastare la qualità della vita nei nostri comuni e il futuro delle prossime generazioni. La Legge Regionale ha cercato di evitare il consumo del territorio in favore della pianificazione e del recupero. Condividiamo questa impostazione e vogliamo realizzarla nella pratica, cosa che l’attuale PGT non consente in quanto benché dichiari di annullare il consumo predispone le basi per un’ampia espansione edilizia. Da qui la necessità di intervenire su questo documento.
Queste linee guida sono il primo passo e vi invitiamo a leggerle: sono state pubblicate con un atto di giunta proprio per permettere a tutti di prenderne visione e preparare il proprio contributo. Con questo documento lanciamo alla nostra città un invito: disegnare assieme una città moderna, sostenibile, ecologica e solidale. Facciamolo assieme affinché non torni la politica dei palazzi chiusi e delle decisioni sulle nostre teste; sarà più difficile, sarà una responsabilità maggiore, ci esporrà a maggiori critiche da parte della vecchia politica e degli “economicamente interessati”, ma pensiamo che questa sia la strada giusta. Opporremo assieme proposte a critiche, approfondimenti a polemiche, impegno a indifferenza. Auguriamoci un buon viaggio nella nostra città.

S. Ghilardi

 

 

sheet-1292828_960_720

 

Il diritto e la tutela del lavoro rappresentano i due pilastri della nostra costituzione e vanno mantenuti in egual misura al centro dell’impegno della Repubblica e delle Istituzioni.

La ricerca di condizioni lavorative che sempre più salvaguardino la salute e la vita stessa di chi opera nei diversi settori delle attività umane è un impegno che dobbiamo prendere anche nei confronti delle future generazioni.

La nostra costante e instancabile attenzione in questo campo è come l’orizzonte: un traguardo che forse non raggiungeremo mai ma verso il quale dobbiamo continuare a tendere.

Cogliamo la sensibilità dimostrata all’interno del Consiglio Comunale nella passata sessione, per trasformare questa spinta umana e morale condivisa in un atto compiuto e concreto.

Per tanto, Peschiera Bene Comune intende presentare nei prossimi giorni una mozione chiedendo all’amministrazione comunale di impegnarsi ad attuare qualunque tipo di iniziativa per mantenere viva l’attenzione su tutti i Caduti  sul Lavoro. Così che rimanga sempre viva l’attenzione sul valore del lavoro e la sicurezza, fintanto che ci sarà anche una sola persona a morire DI  lavoro.

Siamo certi che la proposta possa trovare l’assenso di tutti e possa essere espressione di tutta la città e dei suoi rappresentanti.

Ci rendiamo disponibili a redigere insieme il testo della mozione da presentare al prossimo consiglio comunale utile.